Ortopedia dell’animale adulto

Ortopedia dell’animale adulto 2017-07-18T13:53:36+00:00

Project Description

VISITA ORTOPEDICA

La visita specialistica è il primo step per cercare di capire che tipo di patologia ortopedica presenta il vostro animale da compagnia, e quale sarà il trattamento migliore per risolvere il suo problema. Spesso la sola visita non è sufficiente per emettere una diagnosi definitiva, perciò potrebbero essere necessari ulteriori approfondimenti diagnostici quali per esempio: esami del sangue, artrocentesi, radiografie ecc. Per questo vi consigliamo di portare il vostro cane o gatto a diguno da almeno 8 ore (l’acqua è concessa), in modo tale da poter proseguire con le suddette indagini qualora fossero necessarie. Assicuratevi di portare con voi tutti referti di eventuali visite o esami eseguiti in passato, e se vi è possibile riprendete il vostro cane o gatto mentre cammina per strada o in casa con il vostro cellulare; questi elementi potrebbero essere di grande ausilio allo specialista per capire meglio il tipo di patologia che affligge il vostro cane o gatto.

 

RADIOGRAFIE UFFICIALI

La displasia dell’anca e del gomito sono malattia ereditarie a carattere recessivo che non si esprimono clinicamente in tutti i soggetti geneticamente colpiti, ma solo in una parte di essi. Per limitare la diffusione di queste gravi patologie i soggetti affetti da displasia non dovrebbero venire impiegati a fini riproduttivi. La legislazione italiana permette l’esecuzione di studi radiografici ufficiali, effettuati da veterinari abilitati.

I radiogrammi correttamente eseguiti verranno successivamente inviati dal veterinario abilitato alla centrale di lettura nazionale (Ce.Le.Ma.Sche) che provvederà alla lettura delle stesse, classificando il soggetto in esente o affetto da displasia. Questo risultato verrà poi registrato sul Pedigree del cane rendendolo ufficiale.

Possono essere sottoposti al controllo radiografico tutti i cani appartenenti alle razze riconosciute dalla F.C.I. e dall’E.N.C.I.

L’età minima per l’esame radiografico per la displasia del gomito è di 12 mesi per tutte le razze, mentre l’età minima per l’esame radiografico per la displasia dell’anca è di 12 mesi per tutte le razze, eccetto quelle in cui è previsto il controllo a 15 o 18 mesi dalla Società specializzata di Razza.

L’esame radiografico per la displasia viene eseguito con il soggetto in sedazione, è pertanto necessario portare il cane a digiuno da almeno 8 ore. Il paziente verrà sottoposto ad una visita clinica e, se considerato idoneo potrà procedere all’esame radiografico. È sconsigliato sottoporre all’esame per il controllo della displasia le femmine durante il periodo estrale a causa della maggior lassità articolare.

Per velocizzare la procedura, prima di tutto bisoga registrarsi al seguente indirizzo http://cup.celemasche.it/; una volta registrati, potrete compilare i moduli utilizzando le informazioni riportate nel Pedigree. Dovrete stampare i moduli opportunamente compilati, fotocopiare il vostro Pedigree e consegnarli al veterinario che eseguirà le radiografie ufficiali. Ricordiamo ancora che se non fosse stato effettuato il passaggio di proprietà all’ENCI o questo non fosse stato ancora registrato sul pedigree, non potrete effettuare l’esame ufficiale.

TRAUMATOLOGIA

L’Unità di traumatologia collabora con gli altri specialisti della clinica, coinvolti nel trattamento del paziente politraumatizzato,  ed una volta stabilizzato il paziente, interviene in tempi brevissimi, riducendo al minimo le possibili complicazioni legate al trauma.
Il segmento osseo fratturato viene operato se possibile per via mini-invasiva, garantendo il massimo rispetto per i tessuti molli che circondano il focolaio di frattura e per la vascolarizzazione dell’osso stesso. Tutto questo, unito all’ausilio di moderni mezzi di osteosintesi, consente una mobilizzazione precoce dell’arto fratturato, garantendo un rapido recupero del paziente, che potrà riprendere la sua normale attività fisica quotidiana.

 

PRINCIPALI PATOLOGIE ORTOPEDICHE